Bob Dylan – The Cutting Edge 1965-1966

Lo chiamano momentum. L’attimo fuggente, ma anche l’impeto dello slancio. È di questo che si tratta, in fondo, quando si registra un disco: catturare il palpito dell’istante prima che svanisca. Per Bob Dylan, almeno, è sempre stato così: la continua ricerca di una performance irripetibile. Il dodicesimo volume delle “Bootleg Series” ne offre la testimonianza più imponente, tornando sul luogo del delitto della celeberrima trilogia elettrica per portare alla luce il corpus integrale delle registrazioni del 1965-66.
Un materiale già saccheggiato nel 2005 per la colonna sonora del documentario di Martin Scorsese “No Direction Home”, ma che stavolta gli archivi restituiscono con una fedeltà più rigorosa che mai.

Più che un lavoro di affinamento dei brani, spesso Dylan sembra interessato piuttosto a rimettere tutto in discussione, inseguendo il fatidico allineamento astrale dell’interpretazione perfetta.
Tutta la tensione delle sessioni dylaniane sta proprio in questo: l’attesa dell’imprevisto. Qualcosa di non calcolabile, di non preventivabile, di totalmente misterioso. Qualcosa in cui ci si imbatte, e di colpo dà un senso a tutto ciò che è venuto prima. “Una volta che è accaduto sembrerà inevitabile”, riflette Greil Marcus nel suo libro su “Like A Rolling Stone”. “Ma tutti i buoni motivi del mondo non riusciranno a farlo accadere”. Puoi solo tenere gli occhi spalancati, proteso nel desiderio di sorprenderlo di nuovo. Non nella stessa forma, ma con la stessa verità.

Continua a leggere su OndaRock

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...