Advance Base – In Bloomington

AdvanceBase_InBloomington_FRONTCOVER_RGB_forWEBE Owen il solitario ritrovò la compagnia. È un live molto particolare, per l’ex-Casiotone For The Painfully Alone, quello immortalato da “In Bloomington”. Un live condotto, in via del tutto eccezionale, al fianco di una band vera e propria, chiamata a raccolta per due soli concerti alla fine del 2015. Il formato ideale per dare corpo alle canzoni della sua seconda vita a nome Advance Base, ovvero l’anima più propriamente cantautorale di Owen Ashworth.

La scelta di trarre un album dal vivo da uno di quei concerti, in realtà, è nata solo a posteriori: ma ad Ashworth è bastato ascoltare la registrazione catturata (a sua insaputa) dall’ingegnere del suono, Andy Beargie, per sentire immediatamente il bisogno di condividere quell’esperienza con più persone possibile. E così, la sua etichetta Orindal Records ha sfornato un prezioso vinile a tiratura limitata con i dieci brani della serata, perfetto biglietto da visita per chi avesse perso di vista il songwriter americano dopo che ha appeso il fidato Casiotone al chiodo.

Continua a leggere su OndaRock

Annunci

Un pensiero su “Advance Base – In Bloomington

  1. Pingback: Advance Base. Un rifugio contro il gelo | American Beauty

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...